Forum della Leopolda: le sfide della sanità oggi

forum-leopolda-2016La prima giornata del “Forum della sostenibilità e opportunità del settore salute” che si è tenuto a Firenze venerdì 23 e sabato 24 settembre ha cercato di dare risposta alla questione ormai centrale quando si parla di sanità: qual è il punto di equilibro tra sostenibilità, innovazione e opportunità delle scelte di politica sanitaria?

Le sfide
A sintetizzare le sfide della sanità di oggi è stata Carla Collicelli, vicedirettore del Censis, che ha individuato tre punti focali su cui riflettere: la crisi economica; le trasformazioni sociali e l’innovazione tecnologica. Con oltre 200 mila ultracentenari nel 2015 e previsioni Istat che prevedono oltre 13,9 milioni di over 80 nel 2050, oltre a un notevole incremento delle disabilità, la gestione delle cronicità rappresenta una delle sfide principali. La domanda potenziale di prestazioni domiciliari riguarda, secondo fonti Istat, oltre 3 milioni di persone con limitazioni funzionali, cui quasi 1,5 milioni in confinamento. Questo a fronte di una spesa pubblica italiana per disabilità che è tra le più basse tra le economie avanzate europee. «La spesa procapite per disabilità», ha spiegato Collicelli, «euro correnti a parità di potere d’acquisto, è di 413,9 euro in Italia contro i 1163 della Svezia, per capirci». Il carico nel nostro Paese è in larga parte sulle spalle dei caregiver, infatti nel 2015 è stato registrato un boom della spesa sanitaria privata.

Le soluzioni
Quali possono essere le opzioni tecniche? «Usare meglio la spesa ospedaliera e farmaceutica, spendere di più per prevenzione e territorio». Non solo, anche combattere gli sprechi: in un anno il Censis ha stimato che 5,4 milioni di italiani hanno avuto prescritti farmaci e/o visite o accertamenti che si sono rivelati inutili. E ancora, puntare sull’innovazione tecnologica e farmacologia e sulla sanità digitale.

I provvedimenti in cantiere in Senato
Al forum è intervenuta anche Emilia Grazia De Biasi, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato. «L’Italia è l’unico Paese che cura tutti e questo è un valore che non va dimenticato», ha continuato De Biasi, «sottolineando che le innovazioni cui deve guardare l’Italia partono da una integrazione socio-sanitaria, passano per una maggiore collaborazione tra le Regioni e puntano a una sanità integrativa e a pari opportunità per i cittadini». Ai microfoni di Tecnica Ospedaliera De Biasi ha infine illustrato quali sono i provvedimenti su cui si sta attualmente lavorando in Senato.

Caterina Lucchini

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnica Ospedaliera © 2017 Tutti i diritti riservati