Toscana: investimenti per le tecnologie biomediche

È stato varato a fine luglio il suo primo “Piano Regionale delle Tecnologie Biomediche”, il cui obiettivo è programmare in modo intelligente gli acquisti dei diversi macchinari biomedicali in uso in ospedali, ambulatori e laboratori della Regione Toscana, per evitare che ci siano doppioni e garantire la massima efficienza clinica e gestionale e una distribuzione uniforme dei macchinari stessi sul territorio.
Sono quasi 250 i milioni di euro messi a disposizione.
Punto di partenza del Piano è la definizione da parte di ogni azienda sanitaria o ente del Ssr del proprio piano delle tecnologie sanitarie per il triennio 2017/2019, documento che è stato inviato alla propria Area Vasta di riferimento e da qui alla Commissione Regionale di Valutazione delle Tecnologie e degli Investimenti Sanitari.
Nel contempo, la Commissione ha istituito un gruppo apposito costituito da tecnici di diverse professionalità, ingegneri, clinici, medici e amministrativi e dirigenti regionali, per analizzare il parco tecnologico esistente in Regione e potere quindi procedere con i passi successivi. Definite le necessità delle diverse strutture sanitarie, ora spetta all’Estar, l’Ente di supporto tecnico-amministrativo regionale, programmare le acquisizioni attraverso noleggi, leasing o acquisti finanziati da mutuo o da finanziamenti ministeriali. È previsto poi un aggiornamento annuale del piano, così da definire gli acquisti di anno in anno.
Il prossimo aggiornamento è fissato per i primi mesi del 2018.
Stefania Saccardi, assessore al Diritto alla Salute, ha dichiarato: «la Toscana possiede un patrimonio di tecnologie biomediche assolutamente competitivo che, assieme al personale sanitario, costituisce il grande valore del nostro servizio sanitario. Un patrimonio che necessita di impegno e risorse continue per garantire omogeneità assistenziali. Per questo è necessaria un’adeguata programmazione degli investimenti in questo settore, per rispondere con strutture e tecnologie sempre più appropriate, moderne e sicure alle necessità di salute dei cittadini».

Stefania Somaré

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnica Ospedaliera © 2017 Tutti i diritti riservati