Toscana: le Università sempre più parte del SSR

Toscana: le università sempre più parte del SSRLa collaborazione tra Sanità regionale e Università del territorio è sempre più importante: si deve a questa collaborazione, infatti, una formazione di personale che possa rispondere appieno ai fabbisogni del territorio, così come ricadute positive nei sistemi sanitari regionali provenienti da ricerca biomedica e clinica.

Ecco quindi che lo scorso 5 febbraio Regione Toscana ha firmato un protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Firenze, l’Università degli Studi di Siena e con l’Università di Pisa. Il protocollo intende creare un sistema sanitario integrato regionale e un sistema didattico scientifico universitario che perseguano gli stessi obiettivi.

Ovviamente avranno un ruolo, in questa integrazione, le Aziende ospedaliero universitario della regione, in quanto naturalmente anelli di unione tra i due mondi.

Tra i punti presi in considerazione dal protocollo, vi sono: assistenza; attività didattica e formativa, in cui le università toscane rientrano per formare gli operatori sanitari stessi, con in più la ricerca di un modello didattico omogeneo su tutto il territorio regionale o di Area Vasta; ricerca, sperimentazione clinica e innovazione, promosse da Regione e Università insieme, con particolare tensione verso la traslazione dei risultati della ricerca nell’opera clinica, anche attraverso la partecipazione a bandi di finanziamento nazionali e internazionali; contributo dell’Università nell’elaborazione della programmazione socio sanitaria integrata; le aziende sanitarie si impegnano a definire una regolamentazione interna in merito all’attività libero professionale dei medici in formazione specialistica.

Il protocollo sancisce inoltre la nascita dell’Osservatorio Regionale per la Formazione Medico-Specialistica, il cui compito è definire e valutare gli standard di attività assistenziali dei medici in formazione specialistica, ed è tenuto a fornire elementi di valutazione all’Osservatorio Nazionale.

Tale osservatorio è composto da: 7 docenti universitari, 7 dirigenti sanitari, 3 rappresentanti dei medici in formazione specialistica, uno per ogni Università, il direttore della Direzione regionale competente in materia di diritto alla salute.

Stefania Somaré

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here