Diabete e telemedicina: cosa possono insegnare le economie emergenti?

Ci sono vaste aree del mondo caratterizzate da isolamento e povertà: in queste aree la telemedicina può permettere di prendersi cura di persone malate e seguirle nel loro iter terapeutico, anche quando le patologie sono croniche, come il diabete. Anzi, forse ancora più in queste situazioni.
Ecco quindi che osservare i vantaggi che la telemedicina può portare in queste aree del mondo può spronare i sistemi sanitari e i decisori politici in tema sanità a introdurre sempre più questo strumento anche nella nostra realtà.

Un articolo pubblicato su Diabetes Technology & Therapeutics e firmato da ricercatori indiani (Rajendra Pradeepa, Ramachandran Rajalakshmi, e Viswanathan Mohan. Diabetes Technology & Therapeutics. Jun 2019. Ahead of print) presenta in modo semplice e chiaro i vantaggi della telemedicina nella gestione del diabete nelle aree rurali indiane, dove la patologia negli ultimi anni è quasi esplosa a causa di un lento ma deciso allontanamento dall’alimentazione tradizionale, fatta di poco riso, qualche proteina e molta frutta e verdura (che sono sempre costate poco e ora invece hanno prezzi elevati), a favore del junk food, estremamente economico.
E così si calcola che oggi circa 63 milioni di indiani soffrano di questa malattia metabolica, il più delle volte senza potersi curare in modo adeguato.

Ecco dove la telemedicina può fare la differenza. Lo studio sottolinea come questo strumento sia già utile in molti modi: migliora la qualità delle cure, consente di migliorare la consapevolezza della popolazione rispetto ai rischi di un’alimentazione ricca in zuccheri e grassi nelle aree urbane e rurali, facilita il monitoraggio dei pazienti e consente di ideare campagne di prevenzione di primo, secondo e terzo livello.

Inoltre, associando alla telemedicina anche il potere dell’intelligenza artificiale, è possibile effettuare anche a distanza uno screening in diretta di alcune delle complicanze del diabete, come la retinopatia diabetica.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here