Fujifilm annuncia l’investimento di oltre 2 miliardi di dollari per la realizzazione di un nuovo sito di produzione di coltura cellulare su larga scala negli Stati Uniti per accelerare la crescita dell’attività di sviluppo e produzione di contratti biofarmaceutici (CDMO).

Fujifilm Diosynth Biotechnologies, consociata di Fujifilm Corporation, con stabilimenti in Stati Uniti, Regno Unito e Danimarca, gestirà la nuova struttura. Quest’ultima permetterà la produzione di colture cellulari su larga scala di sostanze farmacologiche sfuse grazie a 8 bioreattori da 20.000 litri/cad (volume fisico), con la possibilità di espandere e aggiungere altri 24 bioreattori da 20.000 litri/cad in base alla domanda del mercato.
Oltre alla produzione di sostanze farmaceutiche, la struttura fornirà servizi su scala commerciale, riempimento automatico, assemblaggio, imballaggio ed etichettatura.
Il nuovo sito sarà costruito nelle vicinanze di uno già esistente e dovrebbe essere operativo dalla primavera del 2025.

«Gli Stati Uniti sono il principale mercato al mondo per i prodotti biofarmaceutici. Sono lieto che attraverso questo grande investimento negli Stati Uniti siamo in grado di supportare lo sviluppo e la produzione di nuovi farmaci che aiuteranno a rispondere a esigenze mediche insoddisfatte», ha affermato Kenji Sukeno, presidente di Fujifilm Corporation. «Fujifilm continuerà a lavorare per la salute dell’uomo e sostenere il progresso del settore sanitario utilizzando tecnologie e strutture avanzate per produrre prodotti biofarmaceutici di elevata qualità».

Fujifilm sta investendo attivamente per migliorare e far crescere la sua offerta di servizi end-to-end in tutti i suoi siti Bio CDMO. Più di recente (giugno 2020) Fujifilm Corporation ha investito 100 miliardi di yen (928 milioni di USD) nel sito Fujifilm Diosynth Biotechnologies di Hillerød, Danimarca, per raddoppiare la sua capacità di produzione di colture cellulari su larga scala e aggiungere capacità di produzione di prodotti farmaceutici su scala commerciale.

«Stiamo sfruttando i nostri punti di forza per lo sviluppo dei processi e per la produzione di un’ampia gamma di prodotti biofarmaceutici come anticorpi, proteine ricombinanti, terapie geniche e vaccini», ha affermato Martin Meeson, amministratore delegato di Fujifilm Diosynth Biotechnologies. «Siamo in una posizione privilegiata per supportare le esigenze della nostra catena di fornitura dei clienti fornendo servizi end-to-end, dalla produzione di sostanze farmaceutiche sfuse su piccola e larga scala, fino al riempimento e all’imballaggio finale».

Fujifilm ha fissato l’obiettivo di raggiungere un fatturato annuo di 200 miliardi di yen per la sua attività Bio CDMO* entro l’anno fiscale che terminerà a marzo 2025. Con la chiusura del FY che terminerà a marzo 2026, Fujifilm si aspetta che questo ultimo investimento aumenti il tasso di crescita annuale della sua attività Bio CDMO del 20%, superando così di gran lunga le proiezioni di mercato. In futuro, Fujifilm continuerà a contribuire nel settore sanitario grazie ad una fornitura stabile di prodotti farmaceutici di alta qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here