Lo scorso 24 settembre è stata pubblicata sul BURAS la Legge 24 dell’11/09/2020 sulla “Riforma del Sistema Sanitario Regionale e riorganizzazione sistematica delle norme in materia. Abrogazione della Legge Regionale n. 10 del 2006, della Legge Regionale n. 23 del 2014 e della Legge Regionale n. 17 del 2016 e di ulteriori norme di settore”.

Tra gli obiettivi della legge, migliorare l’equità d’accesso ai servizi su tutto il territorio Regionale. Ecco quindi scomparire l’Asl unica in favore di 8 Asl: Sassari, Gallura, Nuoro, Ogliastra, Oristano, Medio Campidano, Sulcis e Cagliari.
Contemporaneamente viene istituito un nuovo ente, l’ARES (Azienda regionale della salute), che si occuperà degli acquisti centralizzati per tutte le Asl, oltre che per Arnas (Azienda di rilievo nazionale e alta specializzazione Brotzu), per le Aziende ospedaliere universitarie di Cagliari e Sassari e per l’Azienda Regionale dell’Emergenza e Urgenza della Sardegna (Areus).

ARES si occuperà inoltre di gestire per le varie realtà sanitarie nominate sopra, per esempio, la selezione del personale tramite concorso, il supporto tecnico per la sua formazione, la componente economica e contributiva, oltre che le procedure di accreditamento ECM.
Controllo qualità dei servizi erogati, di congruità e pertinenza dei ricoveri, nonché la gestione delle infrastrutture informatiche e di connettività e la diffusione della cultura della Sanità Digitale, fortemente voluta dall’amministrazione sarda, saranno pure in mano ad ARES, che viene a sua volta controllata e indirizzata annualmente dalla Giunta Regionale.

La riforma prevede anche alcuni trasferimenti di competenza per presidi ospedalieri: l’Ospedale Pediatrico Microcitemico di Cagliari, Antonio Cao, esce dall’orbita del Brotzu e per confluire nell’Asl 8 cagliaritana; l’Ospedale Oncologico Businco di Cagliari potrebbe essere trasferito all’Azienda Ospedaliera Universitaria di Cagliari così da garantire i requisiti essenziali per il mantenimento della Facoltà di Medicina; l’Ospedale Marino Regina Margherita di Alghero sarà annesso all’Azienda ospedaliera universitaria di Sassari, per migliorare le attività integrate di ortopedia, traumatologia e riabilitazione funzionali alle reti formative per le scuole di specializzazione.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here