Uno studio cinese ha mostrato l’utilità di un account ufficiale su un’app di messaggistica dedicato alla riabilitazione polmonare (PeR) nel migliorare la qualità di vita dei pazienti e anche la loro auto-efficacia nel percorso riabilitativo (Jiang Y, Liu F, Guo J, et al. Evaluating an Intervention Program Using WeChat for Patients With Chronic Obstructive Pulmonary Disease: Randomized Controlled Trial. J Med Internet Res. 2020;22(4):e17089. Published 2020 Apr 21. doi:10.2196/17089).

I moduli funzionali di PeR sono stati inizialmente sviluppati da un team internazionale basandosi su un modello di presa in carico della patologia cronica con la sanità elettronica (eCCM).
I ricercatori hanno quindi selezionato 106 pazienti con BPCO, dividendoli casualmente in due gruppi: uno trattato con il modello PeR e l’altro con visite face-to-face.

La riabilitazione polmonare è continuata, per entrambi i gruppi, per tre mesi e gli outcome sono stati osservati per lo stesso periodo.

Lo studio ha misurato la qualità di vita con il test BPCO assessment e l’andamento della patologia con lascala modificata Medical Research Council, la scala per l’auto-efficienza negli esercizi (Ex-SRES) e il questionario Sr George’s Respiratory.

Il 94% dei partecipanti è arrivato a fine studio, mentre gli altri hanno abbandonato. I risultati mostrano che la riabilitazione a distanza tramite app è funzionale come quella face-to-face.
I ricercatori concludono che un percorso riabilitativo che unisca le due azioni potrebbe essere di estrema efficacia per facilitare l’autonomia dei pazienti nella gestione delle difficoltà respiratorie.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here