L’intelligenza artificiale in sanità trova applicazione al Policlinico Universitario Gemelli Irccs, dove è stata installata una TC di GE Healthcare con applicazioni di intelligenza artificiale (IA) che si traducono in vantaggi per i pazienti e il personale: prima su tutti, la riduzione della dose radiante erogata e del rischio di errori nel flusso di lavoro anche grazie a un innovativo sistema di autoposizionamento del corpo durante l’esame.

Si tratta di una Tac 128 slice con un detettore d’immagine a conversione digitale diretta che, oltre a offrire un’elevata risoluzione spaziale di 0,28 mm, permette di effettuare esami più veloci e completi (grazie a una copertura anatomica di 40 mm di anatomia del paziente, estesa a 80 mm per le analisi di perfusione cerebrale su sospetto ictus).
La grande velocità di acquisizione è importante, per esempio, nello studio delle arterie coronarie: è infatti possibile acquisire il distretto cardiaco nel tempo di soli 5 battiti cardiaci, ma anche gestire pazienti con frequenza cardiaca non bassa e non stabile, grazie a un software che assicura la possibilità di eliminare gli artefatti da movimento che tipicamente si manifestano in questi casi, garantendo maggiore sicurezza diagnostica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here