I numeri del cancro 2021

Neanche la pandemia ha potuto fermare Fondazione AIOM, AIRTUM, PASSI, SIAPEC e Osservatorio Nazionale Screening dal redigere l’undicesima edizione di “I numeri del cancro”, documento che da più di un decennio racconta le mete raggiunte nella cura delle neoplasie e delle lacune ancora da colmare, il tutto con un punto di vista epidemiologico. Ecco il primo dato interessante, che racconta dei tanti miglioramenti raggiunti nelle terapie oncologiche e nella prevenzione: dal 2015 al 2021 il tasso di mortalità è diminuito per tutti i tumori del 10%.

Se vogliamo confrontare i morti assoluti per tumore nel 2020 e nel 2021, si osserva una lieve riduzione che però, spiegano gli autori, può essere effetto del Covid-19: è possibile che alcuni pazienti oncologici terminali siano morti infetti da Sars-CoV-2 e, quindi, siano stati registrati come morti per questo virus.

Se si vuole invece scendere nel dettaglio delle tipologie di tumore è innanzitutto importante sottolineare che i tassi di mortalità nazionali sono inferiori alla media europea… per poi aggiungere che nelle donne il tasso di mortalità è in crescita per il tumore al pancreas (+ 3.9%) e per quello ai polmoni (+ 5%), mentre negli uomini sono tutti in diminuzione, escluso il tumore al pancreas che resta stabile.

Che dire della sopravvivenza a 5 anni, uno degli indici maggiormente considerati in oncologia? La presente edizione riporta per la prima volta dati aggiornati al 2018, mentre sino allo scorso anno i dati si riferivano al 2015.

Vediamo quindi cosa è cambiato. Mentre i tassi di mortalità calano, le percentuali di sopravvivenza a 5 anni aumentano per tutti i tumori, raggiungendo in media il 59,4% per gli uomini e il 65% per le donne, rispetto ai precedenti 54% e 63%. Queste percentuali sono abbondantemente superate nel caso del tumore alla tiroide femminile, per il quale la sopravvivenza a 5 anni raggiunge il 96,2%, e del tumore ai testicoli (93,2%).

Di contro, purtroppo ancora oggi solo il 30%, o meno, dei pazienti con tumore al pancreas sopravvive più 5 anni: questo è senza dubbio, al momento, il cancro più difficile da diagnosticare in forma precoce e da trattare.

“I numeri del cancro” si concentra anche sulla prevenzione, intesa come offerta degli screening oncologici alla popolazione di un dato territorio: un’offerta che appare ancora differente tra il Centro-Nord e il Sud, dove è più scarsa: una lacuna su cui occorre lavorare perché gli screening si sono dimostrati uno strumento importante per fare diagnosi precoce e quindi aumentare le probabilità di avviare un percorso terapeutico favorevole al paziente.

Rispetto alle precedenti versioni, questo documento soffre della pandemia: per esempio, riporta una riduzione del numero di diagnosi di tumori particolarmente in stadio precoce nel 2020 rispetto al 2019, il che potrebbe indicare un ritardo diagnostico legato al lockdown e alla riduzione delle attività di screening. Un’ipotesi che, se confermata, darà i suoi frutti nei prossimi anni.

Il documento prende in considerazione anche i fattori di rischio legati allo sviluppo delle neoplasie, tra i quali certamente l’aumento di peso e le associate abitudini alimentari e di sedentarietà sono tra i più importanti. A pesare sono poi anche il fumo di sigaretta e il consumo di alcolici fuori pasto, mentre continuano le evidenze che anche l’inquinamento atmosferico possa favorire la formazione di tumori.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here