Trapianti: i dati 2018

Con 1680 donazioni tra morti e viventi, lo scorso anno si è ottenuto il secondo miglior risultato di sempre nell’ambito dei trapianti, secondo solo al 2017, anno in cui le donazioni erano state 1763. Calano invece le opposizioni alla donazione (29,9% contro il 32,8% del 2016).

Ecco nel dettaglio i trapianti effettuati lo scorso anno:

  • 3718 in tutto di cui 311 da vivente,
  • 2117 trapianti di rene,
  • 1245 di fegato,
  • 233 di cuore,
  • 143 di polmone,
  • 41 di pancreas.

Aumentano anche i trapianti a cuore fermo, una delle procedure su cui la Rete Trapianti sta lavorando per aumentarne l’utilizzo: gli accertamenti con criteri cardiaci eseguiti sono stati 73 (+32,7% rispetto al 2017) mentre i trapianti effettuati sono saliti da 32 a 47 (+46,9%).

A rimanere invariata tuttavia è la disomogeneità che si osserva tra Regione e Regione, con volumi di attività al sud molto inferiori rispetto a quelli del centro e del nord.
Diminuiscono, in ogni caso, le liste d’attesa, trainate soprattutto dalla lista per il trapianto di rene, scesa del 2,1% in 12 mesi.

Interessante osservare anche che la sopravvivenza del paziente a seguito del trapianto è alta, così come quella dell’organo a 12 mesi dal trapianto e, similmente, la maggioranza dei trapiantati in età da lavoro riesce a tornare alle proprie mansioni. In questo senso il trapianto di polmone è quello che vede ancora la minor percentuale di sopravvivenza del paziente (69,6%) e dell’organo (68,1%) a 12 mesi.

Un altro dato interessante infine riguarda le dichiarazioni di volontà al trapianto, salite in un solo anno del 76,15%, probabilmente anche grazie alla possibilità di effettuarle insieme al rinnovo della carta di identità in 5.598 municipi italiani.

Stefania Somaré

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here