Qual è il ruolo della frazione di eiezione nel rendere valida la prognosi effettuata con una ecografia polmonare al letto del paziente con insufficienza cardiaca acuta prima della dimissione?

Che lo strumento funzioni è noto in letteratura, ma non ci sono studi focalizzati per rispondere a questa domanda.
Ci ha pensato un team di ricerca spagnolo che si è concentrato su un gruppo di pazienti con frazione di eiezioni conservata, nonostante l’insufficienza cardiaca (Rueda-Camino JA, Saíz-Lou EM, Del Peral-Rodríguez LJ, Satué-Bartolomé JÁ, Zapatero-Gaviria A, Canora-Lebrato J. Prognostic utility of bedside lung ultrasound before discharge in patients with acute heart failure with preserved ejection fraction [published online ahead of print, 2020 Jun 13]. Med Clin (Barc). 2020;S0025-7753(20)30320-1. doi:10.1016/j.medcli.2020.03.012).

I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi (uno con eiezione conservata, l’altro no) e sono stati sottoposti a ecografia polmonare al letto e poi dimessi, per essere seguiti per tre mesi in follow-up per confrontare il tasso di riospedalizzazione e di morte attribuibili a peggioramenti della patologia.

Nessuna differenza significativa è stata trovata per il tasso di morte, mentre si è visto che il gruppo con eiezione conservata tende a peggiorare prima e ha una probabilità due volte e mezzo maggiore di essere riammesso in ospedale.

In particolare, si è visto che una diagnosi di congestione subclinica, ottenuta con l’ecografia polmonare, dà una prognosi peggiore in questo gruppo di pazienti.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here