Il Galliera presenta le nuove sale operatorie

Sarà operativo entro il prossimo ottobre il nuovo blocco operatorio dell’Ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova, costituito da tre sale operatorie domotiche e da un ambulatorio chirurgico, anch’esso domotico.
In particolare, una sala operatoria sarà dedicata all’ostetricia, una al Dipartimento di Chirurgia e una alle procedure chirurgiche robot-assistite, mentre l’ambulatorio sarà utilizzato per interventi chirurgici di minore complessità, eseguibili in regime ambulatoriale.

Come accennato, il nuovo blocco sarà dotato di tecnologia di nuova generazione, apprezzabile nei tavoli operatori, nelle lampade scialitiche e nei diafanoscopi digitali, e avrà il suo cuore domotico in un insieme di componenti hardware e software che, in maniera integrata, gestisce tutte le apparecchiature elettromedicali di sala e il set up della sala stessa.

In altre parole, con un semplice click si potranno eseguire le operazioni in maniera più immediata, senza doversi allontanare dalla propria postazione.
Da sottolineare che il cantiere è andato avanti anche durante l’emergenza sanitaria, permettendo di rispettare i tempi previsti per la consegna.

Il direttore generale, Adriano Lagostena, ha sottolineato: «l’obiettivo del progetto è stato quello di realizzare sale operatorie più “agili” e più efficienti rispetto a quelle tradizionali.
Per raggiungere lo scopo abbiamo sviluppato tre concetti: Integrazione e Controllo; Comunicazione e Telemedicina; Data Management.
Questi concetti si possono sintetizzare con la definizione di Sala Operatoria Integrata».

Per fare alcuni esempi, data l’attrezzatura tecnologica, si potrà avviare una videoconferenza all’inizio dell’attività chirurgica e connettersi a qualunque pc collegato alla rete LAN dell’ospedale, come quello dell’anatomia patologia per avere in tempo reale i risultati di un esame istologico, oppure accedere al PACS aziendale per visualizzare un referto clinico, una TAC o una PET relative al paziente, o ancora operare un controllo costante sul corretto funzionamento delle apparecchiature integrate e sulle apparecchiature medicali presenti in sala.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here