Intelligenza artificiale per discriminare le cisti pancreatiche

Le cisti pancreatiche non sempre si trasformano in tumori al pancreas eppure non esiste uno strumento semplice per comprenderne lo sviluppo e ciò comporta che a volte alcune cisti vengano sottostimate e si sviluppano poi in tumore e che, in altri, si intervenga per via chirurgica anche quando non necessario.

Uno studio multicentrico e internazionale, capitanato dal John Hopkins Kimmel Cancer Center di Washington, ha infatti portato allo sviluppo di un test che sfrutta l’intelligenza artificiale per discernere tra cisti benigne e maligne.
Allo studio hanno partecipato anche realtà italiane e, in particolare, il Centro di Ricerca ARC-Net dell’Università di Verona, l’Irccs San Raffaele di Milano e l’Ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar (VR).

Più nel dettaglio, la machine learning ideata nel corso dello studio utilizza dati clinici macroscopici, l’imaging e informazioni molecolari relative alla cisti del paziente, in particolare alterazioni biochimiche e genetiche nel tessuto o nel fluido della cisti stessa, per determinarne la natura.

Compcyst, così è stato chiamato il test, è stato utilizzato su 436 pazienti con cisti pancreatiche per suddividerli in 3 gruppi: quelli che necessitavano di essere operati, quelli che dovevano essere monitorati e, infine, quelli che non necessitavano di ulteriore sorveglianza.
Poi lo stesso test è stato applicato a 862 cisti pancreatiche rimosse chirurgicamente e analizzate con biopsie per verificarne l’attendibilità.

I risultati hanno mostrato che Compocyst è molto affidabile nel riconoscere le cisti benigne, consentendo di evitare interventi chirurgici inappropriati.
Ora è necessario capire come si comporta il test su un campione più ampio di pazienti, oltre che studiarne gli esiti sul lungo periodo.

Stefania Somarè

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here