Regione Veneto in aiuto alla sanità calabrese

18 mesi: questo il periodo, prorogabile di ulteriori 6 mesi, a disposizione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova per collaborare con il SSR della Regione Calabria alla riorganizzazione dell’attività chirurgica per setting assistenziali e complessità di cura.

La richiesta alla Regione Veneto è pervenuta dallo stesso Ministero della Salute ed è stata accolta con apposita delibera regionale.

L’accordo ha come sottoscrittori il Ministero, la Regione Veneto e l’AOU, che avrà il compito di: pianificare e gestire il riordino; mettere a disposizione materiali, competenze e professionalità per sperimentare, in particolare, il modello hub&spoke già attuato all’interno di strutture sanitarie venete; fare formazione in loco per il personale degli ospedali calabresi; predisporre report per documentare l’andamento del progetto; partecipare a incontri di coordinamento presso il Ministero e la Regione Calabria.
I dati elaborati e raccolti saranno caratterizzati dal massimo riserbo.

Luca Zaia, governatore del Veneto, ha sottolineato: «abbiamo sempre detto che le nostre buone pratiche sono a disposizione del Paese e delle Regioni che hanno bisogno di aiuto.
Ringrazio il Ministero della Salute per avere accolto questa nostra offerta, proponendo un accordo formale che sottoscriviamo con piacere, e con l’impegno di fare il meglio per il futuro della sanità della Regione e per i cittadini calabresi.
Non a caso, il partner operativo sarà l’AOU di Padova, uno dei nostri fiori all’occhiello».

Per il suo operato, l’azienda padovana riceverà un rimborso massimo di 200 mila euro.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here