Tech4Life, valore delle tecnologie e frontiere della medicina

Massimiliano Boggetti

Lo scosso 28 marzo Confindustria Dispositivi Medici ha presentato i risultati dell’indagine “Tech4Life”, condotta da Community Media Reasearch e alla quale la neonata associazione ha partecipato.

Obiettivo dell’indagine, prima nel suo genere, è valutare la consapevolezza degli italiani del valore delle tecnologie mediche e delle nuove frontiere della medicina.

I dati parlano di una cittadinanza meglio predisposta alla prevenzione, sia aderendo agli screening (il 91% è favorevole) sia pagando di tasca propria gli esami (62,5%), ma ancora guardinga rispetto alla medicina predittiva e partecipata: ben il 59,4% degli intervistati è infatti contrario alla condivisione dei dati sulla propria salute.

Un altro tema che non convince è l’uso della mobile health: solo il 7,6% usa app mediche e il 14,3% usa lo smartphone per monitorare la propria salute.

Esiste però una frattura generazionale: i giovani tra i 18 e i 35 anni sono infatti più favorevoli, per esempio, a test che predicono patologie più o meno gravi, mentre gli over 55 anni faticano ad accogliere questo cambio di paradigma.

Non solo: sono sempre i più giovani ad affidarsi a Dottor Google per avere risposte in termini di salute (54,5%) e terapie da utilizzare (55,9%) soprattutto al Sud.

Un dato, questo, che deve essere un monito, perché una navigata in rete non può e non deve sostituire la visita dal medico.

Massimiliano Boggetti

Il neoeletto presidente di Confindustria Dipositivi Medici, Massimiliano Boggetti, sottolinea: «i cittadini devono essere informati in modo corretto sulle tecnologie mediche a beneficio della propria salute e sulle possibilità di miglioramento della qualità della propria vita che la nuova medicina offre loro».

Solo se ben informati, infatti, possono distinguere tra tecnologia che aiuta e quella che invece non lo fa, come le risposte trovate in rete, e possono iniziare a utilizzarla al meglio.

«Con l’indagine Tech4life abbiamo voluto fare un punto sulla consapevolezza degli italiani del valore delle tecnologie e delle nuove frontiere della medicina. Vogliamo favorire la divulgazione coinvolgendo il mondo scientifico e le istituzioni, che svolgono un ruolo cruciale in questo processo. Dobbiamo fare in modo che l’informazione corretta ed equilibrata sulle nuove possibilità di prevenzione e cura diventi sempre più centrale soprattutto sul web, dove le persone cercano sempre più spesso la risposta ai propri bisogni di salute».

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here