L’Organizzazione Mondiale della Sanità e la Foundation for Innovative New Diagnostics hanno firmato un accordo di collaborazione che durerà fino al 2025 allo scopo di individuare strategie per rendere più accessibile e forte la diagnosi di patologie nei Paesi a basso sviluppo.
Un atto che consentirebbe di individuare prima i focolai di eventuali patologie e quindi di gestire meglio la sanità non solo a livello locale, ma anche globale.
La fase diagnostica è probabilmente l’anello più debole della sanità dei Paesi poveri, soprattutto perché richiede spesso macchinari ad alta tecnologia e costosi.

«Eppure, le sfide della sanità globale, come quella dell’attuale caso Coronavirus, dimostrano che senza questo essenziale elemento di un sistema sanitario non si può promuovere la salute e tenere il mondo al sicuro.
Questa collaborazione permetterà di capire a fondo le necessità dei diversi Paesi e come portare loro le innovazioni necessarie. Non vogliamo lasciare indietro nessuno».

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale OMS

Queste le parole del direttore generale dell’Oms, dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus.

OMS e FIND collaborano a vari livelli dal 2008. Il primo passo di questo nuovo progetto consiste nello stilare una Lista della Diagnostica Essenziale necessaria a ognuno dei Paesi a basso sviluppo, per poi trovare il modo di fornirla.

Catharina Boehme, ceo di FIND, ha sottolineato che i servizi integrati di diagnosi sono funzionali a sistemi sanitari efficienti non solo per gestire le necessità quotidiane ma anche per assicurare una corretta gestione dei focolai di nuove patologie.
Lavorando con l’OMS, FIND potrà aiutare questi Paesi a sviluppare una strategia diagnostica basata su dati, quindi reale.
Tra le prima azioni ci sarà proprio la collezione di dati sanitari.

Stefania Somaré

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here